Unesco, a Torino il battesimo dei caschi blu della cultura

Una task force in difesa del patrimonio culturale dell’umanità

pubblicato il 20/02/2016 in Arte e Cultura da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Dario Franceschini

Anche la Cultura avrà la sua milizia internazionale.

Una costola dei caschi blu dell’Onu, consacrata in modo specifico alla difesa del patrimonio dell’Unesco, ai quattro angoli del mondo. Ce n’era bisogno, in effetti, alla luce delle “stragi culturali” perpetrate dall’Isis e, prima ancora, dai talebani.

Gli antichi crociati andavano all’arme avendo nel cuore il pensiero spaventoso che la Terra Santa potesse essere profanata dai mori infedeli; questi nuovi crociati sotto l’egida dell’Onu combatteranno invece nel nome – e nel ricordo -  dei Buddha di Bamiyan, di Hatra, di Palmira, di Mosul, del monastero di Sant'Elia, il più antico monastero cristiano dell’Iraq. Senza altre armi, naturalmente, che quelle della loro perizia nella ricostruzione dei tesori archeologici e nella prevenzione di altri barbarici disastri.

Fa particolarmente onore al nostro Paese il fatto che l’iniziativa sia partita proprio dal governo italiano. Anzi, l’idea stessa dei “caschi blu della cultura”, ha rivendicato il ministro dei beni culturali, Dario Franceschini, è nata a Roma. Ma sarà Torino il luogo deputato alla loro formazione. Nella città sabauda, infatti,  il 16 febbraio io stesso Franceschini il sindaco Piero Fassino e il ministro degli esteri, Paolo Gentiloni, hanno firmato, alla presenza del Direttore generale dell’Unesco, Irene Bokova, un protocollo d’intesa che sancisce la nascita, all’ombra della Mole, del  Centro Unesco Itrech (International Training and Research Center of Economies of Culture and World Heritage), l’accademia che formerà i paladini della cultura mondiale. La prima al mondo, finora.

Siamo il primo Paese in assoluto che mette a disposizione dell’Unesco una task force di esperti interamente dedicata alla custodia del patrimonio culturale mondiale”, ha detto orgogliosamente Franceschini.   

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password