Alessandro De Angelis: Maria Vergine era la moglie di re Erode

Appuntamento con l'autore del "Cristo il romano"

pubblicato il 28/04/2016 in Arte e Cultura da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Dottor De Angelis come è arrivato alla scoperta che Maria Vergine, madre di Gesù, era la moglie del re erode il Grande?

 La scoperta è avvenuta dal testo dello storiografo Giuseppe Flavio, coevo di Gesù, dove narrava la storia della terza moglie del re Erode, che fece venire un veleno dall'Egitto per uccidere il marito. Questa vicenda è avvenuta in perfetta sovrapposizione temporale con la fuga in Egitto di Maria, Giuseppe e Gesù, ovvero nel 5 a.C. A questo punto indagando su Maria Boeto, moglie del re, ho trovato tutti i personaggi dei vangeli, Anna che si prese cura di Maria, Elisabetta madre di Giovanni Battista, Marta e Lazzaro fratelli di Maria, Simone Boeto padre di Maria e Gesù. Tutti questi personaggi hanno le stesse relazioni di parentela sia nei vangeli che nella famiglia dei Boeto. A questo punto tutti i tasselli del mosaico si ricomponevano magicamente, dando risposta al vero motivo per cui Erode cercava la sacra famiglia per ucciderli; difatti era storicamente improponibile che il re Erode potesse aver paura di un neonato che potesse detronizzarlo, oltretutto senza un esercito, mentre Erode aveva un esercito regio con cui aveva sconfitto militarmente tutti i suoi avversari e dalla sua anche l'appoggio delle legioni romane. Oltretutto il re era gravemente malato ed in fin di vita. Faccio inoltre presente che prima di scoprire la congiura di Maria Vergine contro di lui, Erode aveva nominato suo figlio Gesù suo successore al trono d'Israele.

Ma  Erode  in fin di vita  aveva nominato Gesù suo legittimo erede, che motivo aveva Maria per cercare di ucciderlo?

Il motivo era molto semplice: Maria era rimasta incinta da Giuseppe, suo amante e figlio di suo fratello Alessandro Heli, di Giacomo il Giusto. Se il re avesse scoperto che Maria era rimasta incinta, nonostante lui non avesse più relazioni sessuali con sua moglie, li avrebbe sicuramente uccisi. Quindi Maria, insieme ad un altro figlio di Erode il Grande, di nome Antipatro, figlio del re e della sua prima moglie Doride, decisero di avvelenarlo. Il re scoprì la congiura contro di lui e Giuseppe Flavio ci informa del fatto che i fratelli di Maria confessarono, sottoposti a tortura, l'implicazione della regina, ed Erode capì che anche Gesù, nato due anni prima, era figlio di Giuseppe e Maria e quindi lo diseredò. Nella Yeshu Toledoth gli ebrei parlano chiaramente di questa vicenda di Maria adultera che chiamano Stada, ovvero colei che abbandonò (il re Erode) e chiamano Giuseppe con l'epiteto Panthera che dall'egiziano vuol dire Pan=figlio, Neter/Nefer=faraone, Ra=il dio sole. In effetti Giuseppe abbiamo scoperto essere il figlio di Alessandro Heli e di Ottavia, sorella del primo imperatore di Roma Cesare Augusto, per questo l'evangelista Luca nella sua genealogia da Gesù a re Davide dice Gesù, Giuseppe, Eli ovvero Giuseppe Eli. ed i mandei ci parlano di Cristo il Romano: era di sangue imperiale romano.

Sconvolgente è dir poco, quindi essendo Giuseppe nipote di Cesare Augusto, l'imperatore era anche zio di Gesù?

Risposta: Esattamente, non solo, seguendo le parentele di Maria e Giuseppe ho scoperto che tutti gli imperatori di quel periodo erano imparentati con Gesù. Nerone ad esempio era cugino carnale di Gesù, in quanto Alessandro Heli, Ottavia Maggiore e Ottavia Minore erano fratelli, figli di Marco Antonio; Giuseppe (figlio di Alessandro Heli) e Gneo Domizio Enobardo (figlio di Antonia Maggiore) erano cugini; Gesù (figlio di Giuseppe) e Nerone (figlio di Gneo Domizio Enobardo) erano cugini di II°. Antonia Maggiore era inoltre una nipote del primo imperatore Augusto, cugina dell'imperatore Tiberio, prozia paterna dell'imperatore Caligola e zia materna e prozia dell'imperatore Claudio. Ma Antonia Maggiore era anche la zia di Giuseppe e quindi zia di II° di Gesù, che risulta cosi essere parente con tutti gli imperatori del suo periodo qui nominati, compreso il dittatore  Giulio Cesare, fratello di Giulia Minore, madre di Azia Maggiore, madre di Ottaviano. Giulio Cesare era inoltre stato il primo marito di Cleopatra, madre di Maria nonna di Gesù, personaggio importantissimo da cui gli evangelisti hanno ripreso la storia per rimodularla su Gesù, vediamo le numerose analogie tra Giulio Cesare e Gesù, sono sconcertanti:
Pompeo Magno chiama chrêstos Giulio Cesare (Plut. Pomp. 75); entrambi verranno traditi dopo un bacio: Lenate bacia la mano a Cesare per dare il segnale del suo assenso alla congiura, Giuda bacia Gesù nel momento in cui lo smaschererà; entrambi si dichiarano figli di Dio, Cesare di Zeus e Gesù veniamo a scoprire che era un sacerdote del culto di Serapide, la cui statua rappresentava appunto Giove/Zeus; entrambi hanno un fiume fatale da attraversare: il Rubicone ed il Giordano; entrambi vi incontrano un protettore/rivale: Pompeo e Giovanni Battista. Ed i loro primi seguaci: Antonio e Curione, e rispettivamente Pietro ed Andrea; entrambi sono sempre in cammino ed arrivano finalmente nella capitale, dove dapprima trionfano, per poi subirvi la loro passione:Roma e Gerusalemme; entrambi hanno un buon rapporto con le donne, uno in particolare Cesare con Cleopatra e Gesù con la Maddalena; entrambi hanno incontri notturni, Cesare con Nicomede di Bitinia, Gesù con Nicodemo di Betania; entrambi sono grandi oratori; entrambi appartenenti alla più antica nobiltà, discendente di Enea e figlio di Davide; entrambi si sono fatti da sé; entrambi devono battersi duramente ed entrambi trionfano: a cavallo e su un asino; entrambi prediligono il popolo modesto – ed attaccano briga coi nobili: Cesare col senato, Gesù col sinedrio; entrambi sono caratteri combattivi, ma di celebrata mitezza: la clementia Caesaris e l’amate i vostri nemici; entrambi hanno un traditore: Bruto e Giuda e molte altre similitudini.


Andando avanti con la sua ricerca quale è stata la sensazione preponderante in lei?

Inizialmente al settimo cielo, avevamo scoperchiato il vaso di pandora e la notte non si riusciva a prender sonno. Poi man mano che pubblicavamo articoli su articoli in rete, con prove storico documentali che nessuno confutava in quanto impossibilitati dalle nostre documentazioni, subentrava la rabbia in quanto ci siamo resi conto che tutti i mass media facevano la congiura del silenzio non dando spazio mediatico alle nostre scoperte.

Può diffondere in rete le sue scoperte?
Purtroppo la rete è controllata dalle potenti logge massoniche i cui appartenenti hanno fatto finta di uscire dalle logge facendo i finti dormienti, decidono chi mandare alle televisioni, sulle radio web, sui giornali arrivando persino ad escluderci dai loro gruppi quando dimostravamo l'infondatezza delle loro teorie e togliendo dai loro gruppi i nostri articoli. Loro decidono chi deve fare conferenze, con associazioni culturali da loro gestite, la libertà di stampa nel nostro paese è mera illusione; purtroppo le persone li seguono in quanto non hanno abbastanza cultura per capire le menzogne che gli propinano.

Dove si può acquistare il suo libro al momento? 
in questo momento il libro è acquistabile on line da macrolibrarsi: http://www.macrolibrarsi.it/libri/__cristo-il-romano-libro.php

 


 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password