Dalla violenza di Boko Haram alle coste di Lampedusa: tutto nel romanzo "In fuga"

Il romanzo di Domenico Manzione premiato al Festival del libro del Mediterraneo

pubblicato il 08/06/2016 in Arte e Cultura da Redazione
Condividi su:
Redazione

Certo che un libro, un buon libro, vale più di centomila discorsi!

Così In fuga di Domenico Manzione ( Maria Pacini Fazzi Editore, Lucca 2015) raccontando la vicenda personale di Azub che dalla Nigeria si muove con i barconi della morte per raggiungere Lampedusa, ci fa assistere in maniera vivida e dal di dentro quello che i nostri telegiornali registrano purtroppo, ogni giorno, dall'esterno.

Domenico Manzione  è Sottosegretario di Stato del Ministero dell’Interno e autore di numerosi saggi tecnici, ha pubblicato per Maria Pacini Fazzi editore i romanzi: Lost dog. Delitto con dubbio castigo e Il mio amico Chet


Quindi Manzione non è nuovo alla carta stampata ma certamente in questo ultimo libro ottimizza il suo ruolo di Sottosegretario con delega ai migranti, e le conseguenti conoscenze di questo fenomeno sociale e politico. Presentato in terza persona da una voce narrante In fuga ha la tecnica interna di un romanzo in cui avventura, thriller, sentimenti ed emotività sono in perfetto equilibrio. Le scene più cruente, cui il giovane Azub ha dovuto assistere, scampato com’è allo sterminio della sua famiglia e del suo villaggio dalle mitragliatrici di Boko Haram , hanno un buon bilanciamento descrittivo tra l’orrore del sangue e i pensieri del flusso di coscienza dei personaggi. In primis del protagonista Azub...Continua a leggere...

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password