Sotto l'Angelo di Castello: musica. danza, spettacolo

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 15/09/2021 in Arte e Cultura da PAOLA DI PIETRO
Condividi su:
PAOLA DI PIETRO

Sotto l’Angelo di Castello: danza, musica, spettacolo presentato dalla Direzione Musei Statali della Città di Roma e dal Museo Nazionale di Castel Sant'Angelo, diretti da Mariastella Margozzi, rassegna curata da Anna Selvi, propone sabato 18 settembre ore 21, un “viaggio sonoro” del tutto particolare che avrà sede sul Bastione di San Matteo: un progetto di Bluemotion, scritto da Giorgina Pi e Gabriele Portoghese dal titolo " misterioso " di GUIDA IMMAGINARIA, un’audioguida immaginaria del Museo dell’Acropoli in una Grecia inaspettata, di cui il Collettivo Angelo Mai ha curato l’ambiente sonoro. Il pubblico accederà all'ambiente della performance, uno spazio che sarà poi al buio, con un piccolo catalogo, una piccola torcia e… una cuffia che consentirà di partire per un viaggio favoloso. Le voci del museo, oltre a quella della guida di Gabriele Portoghese sono di Marco Cavalcoli, Sylvia De Fanti, Giorgina Pi, Laura Pizzirani. Siete mai stati al Museo dell'Acropoli di Atene? Noi no. O forse sì. Può darsi che ci sia capitato di visitarlo quando eravamo troppo piccoli, o troppo grandi, o troppo distratti. Tuttavia vi proponiamo di ascoltarci mentre vi illustriamo la struttura e il catalogo di questo straordinario museo. Voi non potrete vedere, sicché dovrete credere a tutto quello che vi descriviamo. "Siamo dinanzi alla naturalissima grazia della Kore col peplo, fanciulla di 120 cm di scuola attica. Il braccio sinistro, che sembrerebbe accennare un gesto d'offerta, è andato perduto. Accanto alla ragazza si colloca oggi un molosso marmoreo del VI sec. a. C., recentemente rinvenuto. Nella bocca del cane possiamo osservare, non senza raccapriccio, la mano, strappata, dell'incolpevole Kore." Desideriamo condividere un'audioguida immaginaria in cui si fondano descrizione ed immaginazione, memoria ed invenzione. Non c'è poi tanta differenza fra sogni e ricordi. Una selezione di opere del tutto arbitraria, un viaggio sonoro in cui esse stesse parleranno raccontando una Grecia classica diversa da quello che ci aspettiamo e un’Acropoli rovesciata. Creature ctonie, visitatori bizzarri, divinità ridotte a statue spezzate o trafugate ci parleranno insieme alla nostra guida. Per rendere onore ai mostri, per far dell’occidente la soglia dell’oriente. L’intenzione della rassegna sotto l’Angelo di Castello: danza, musica, spettacolo è quella di cogliere l’ultimo scorcio d’estate per proporre piccoli momenti di socialità e benessere attraverso la fruizione di arti e linguaggi artistici diversi, garantendo sempre il rispetto delle norme anti Covid. Oltre a valorizzare la sede della Direzione, il magnifico Castel Sant'Angelo, lo scopo è anche quello di incuriosire i visitatori ed incontrare pubblico nuovo per animare il monumento con l’arte e la bellezza espresse nelle varie forme. La rassegna, che ci accompagnerà nei week end dal 28 agosto al 29 settembre, prevede spettacoli di danza, musica, teatro, performance, visite guidate e dialoghi con l’arte contemporanea.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password