Napoli: morta a diciassette anni per un aborto

Deceduta a causa di un’emorragia al Cardarelli di Napoli, rissa tra parenti e medici

pubblicato il 13/01/2016 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Aveva 17 anni  Gabriella Cipolletta di Mugnano (Na), ed è morta ieri a causa di un’emorragia all' ospedale Cardarelli di Napoli dopo essersi sottoposta ad un aborto volontario. 

I parenti hanno presentato un esposto alla polizia e si è sfiorata la rissa tra questi e il personale sanitario.  I medici hanno dichiarato che la giovane ha avuto un choc ipovolemico alle ore 15 e si è verificata una una forte emorragia. A nulla sono serviti gli immediati accertamenti e    una trasfusione con quattro sacche di plasma.  La procedure seguire sono state corrette anche se è stata diposta da parte dei vertici dell’ospedale  un' inchiesta interna Il dottor Paradiso , direttore dell’ospedale, ha confermato il sequestro della cartella clinica e l’attesa per il risultati dell’autopsia.

Sulla vicenda è intervenuto anche il Governatore Vincenzo De Luca che segue personalmente la vicenda e ha chiesto  una relazione sulla tragedia avvenuta all’interno dell’ospedale.
Saranno inviati dal Ministero della salute  ispettori per verificare quanto accaduto. Gli ispettori compongono una task force del ministero, denominata ''commissione Nicole'' perche' istituita subito dopo la morte di una neonata in Sicilia. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password