Banca gli accredita per sbaglio 45mila euro e adesso, anche se spesi, li rivuole

Una banca di Imperia combina un pasticcio ma a pagare è il correntista

pubblicato il 08/10/2016 in Attualità
Condividi su:
Nuovi dati della Banca d'Italia sul 2015

Un pensionato di Imperia invalido civile con una pensione di 780 euro al mese un bel giorno vede arrivare sul suo conto la bellezza di 45mila euro. Si reca in banca per chiedere spiegazioni non una, ma una due ma due volte e  gli viene risposto che è tutto regolare, oltretutto il signore sta aspettando un bonifico dall'estero per un rimborso assicurativo di un incidente di un suo parente quindi inizia ad usare i soldi come più preferisce e gli serve  ma dopo 25 giorni la banca lo chiama per dirgli che la cifra è stata versata per errore. Quei 45mila euro dovevano essere versati ad un altro correntista con un iban molto simile al suo.  Il problema è che quei soldi non ci sono più ma la banca li rivuole.

Con l'aiuto di un  legale propone alla banca di restituire il tutto con rate di  200 euro al mese ma questa gli trattiene 8400 euro di arretrati sulla pensione, e lo segnala  come cattivo pagatore , eppure non è stato certo il pensionato a chiedere un finanziamento, quei soldi sono arrivati per un errore della banca.

Il legale ha scritto anche alla Banca d’Italia per risolvere la questione nel migliore dei modi per il suo assisito ma non ha ricevuto risposta.  Tuttavia l'avvocato  dichiara che non ha intenzione di desistere "Ci rivolgeremo di nuovo a Palazzo Koch”  conclude ai microfoni di adnkronos. 


 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password