Sciopero dei medici anestesisti: 20 mila interventi potrebbero saltare

Oggi i medici anestesisti incrociano le braccia nelle prime quattro ore di ogni turno

pubblicato il 16/12/2016 in Attualità
Condividi su:

Nel  comunicato dell'Aaroi-Emac che ha promosso lo sciopero. I camici bianchi anestesisti incrociano le braccia nelle prime quattro ore di ogni turno di servizio, per far capire che senza la loro opera dimostrando "si fermano tutte le funzioni vitali degli ospedali, in sala operatoria, nei punti nascita, e non solo",

Gli anestesisti parlano di "una decisione maturata e sofferta, presa tutt'altro che a cuor leggero, dopo mesi di richieste insoddisfatte e di false promesse sul rinnovo contrattuale, sulle assunzioni in sanità, su soluzioni per risolvere il precariato e il caporalato. Basta alle scelte governative che continuano a imporre 'lacrime e sangue' a tutto il personale del SSN e ai cittadini per tappare le falle create dalle politiche scriteriate dei tagli".

La scelta di limitare a quattro ore lo sciopero è stata dettata dal  solo senso di responsabilità verso i cittadini , per garantire loro i servizi sanitari minimi essenziali  “Un senso di responsabilità che invece non pare appartenere a una certa politica, nonostante proprio in questi giorni se ne faccia bandiera" hanno fatto sapere i medici tramite comunicato.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password