Giovanardi a Radio Causano Campus: "C'è tutto un lato oscuro ne mondo gay che viene completamente sottaciuto"

Giovanardi accosta i gay agli assassini di Luca Varani, sul web scattano le polemiche

pubblicato il 04/01/2017 in Attualità da Costanza Tosi
Condividi su:
Costanza Tosi
Senatore Carlo Giovanardi

Questa mattina il senatore di Idea Carlo Giovanardi è intervenuto su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG. 

Nel momento in cui gli è stata posta la domanda sul mondo gay, che non poteva mancare conoscendo il punto di vista dell'ex politico di Forza Italia sulla questione, Giovanardi si esprime ancora una volta in maniera piuttosto forte e spiazzante.

Approposito di Stato Civile (programma dedicato alle unioni gay andato in onda in prima serata su Rai Tre tra Natale e Capodanno) ha dichiarato: “Replicare nei giorni di Natale una trasmissione che è già andata in onda in fascia protetta è una vergogna. Quella trasmissione mistifica, imbroglia, racconta cose non vere. Parla di matrimoni, ma quali matrimoni! E’ passata una legge che definisce le formazioni sociali speciali! L‘unione civile è una formazione sociale speciale, una specie di super contratto in base alla quale due persone regolamentano tutta una serie di aspetti della loro vita. Che c’entra il matrimonio, che c’entrano le nozze. Quello è un imbroglio. Vogliono arrivare a parificarlo al matrimonio per legittimare l’adozione dei bambini comprati all’estero.”

Ma il senatore si esprime anche sul famoso cantante Tiziano Ferro: “Vuole diventare papà? Un tempo c’era anche la schiavitù in Italia. C’era chi pretendeva di comprare uno schiavo e di tenerlo. Una volta compravano i bambini, c’è stata una fase oscura della vita italiana dove c’era chi vendeva i propri figli. E allora c’è chi pensa andare a fare la simulazione ovarica, pigliare una povera sciagurata, farle fare per nove mesi la gestazione a rischio della salute e poi portargli via il bambino, privandolo del diritto di avere un padre e una madre”.

Inoltre, secondo Giovanardi in Italia non si fa altro che inneggiare alle coppie gay, e per spiegare questo suo punto di vista prende spunto dal caso dell'orribile uccisione di Luca Varani a Roma, per cui il Gip ha rinviato a giudizio i due carnefici Marco Prato e Manuel Foffo. Così parla Giovanardi: “L’altro giorno a domenica in hanno fatto gli auguri alle quattro del pomeriggio a due uomini che coronano il loro sogno d’amore col matrimonio. E quella di Rai tre poi è una provocazione, fare quel programma nel periodo delle feste di Natale. Era ovviamente una provocazione. Sembra che le coppie etero non siano di moda. S rappresenta un mondo gay tutto luccicante, tutto bello, poi però i Foffo e i Prato non vengono raccontati. C’è tutto un lato oscuro nel mondo gay che viene completamente sottaciuto. Gli omosessuali hanno un tipo di sessualità che è meno indirizzata alla monogamia” 

Molte le reazioni dal mondo gay, che non accettano di essere paragonati a due criminali, e ancora una volta si scatena il mondo dei social network.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password