Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Enac, sospesi dipendenti fannulloni, c'è un piano per Alitalia

Il punto giornaliero sull'Italia a cura di Gianluca Vivacqua

Condividi su:

Cronaca nera. Il cadavere di una donna decapitata è stato ritrovato in un palazzo a piazza Vittoria a Brescia. La vittima è una cinquantaseienne. Non si esclude l’atto volontario.
A Roma i Carabinieri della compagnia San Pietro  arrestano sette giovani, tra cui tre minorenni, accusati di tentato omicidio aggravato in concorso nei confronti di un sedicenne. L’uccisione per accoltellamento  avvenne al culmine di una lite avvenuta il 14 ottobre 2016 in piazza Cavour, davanti all’ingresso della Corte di Cassazione. Prima di essere finita con la lama, la vittima era stata colpita ripetutamente con calci, pugni, colpi di casco, di cintura e di catena.
Uccisero parente per spartirsi l’eredità: quest’accusa grava a Rosarno sul capo di due coniugi, Vincenzo Timpani di 61 anni e Vittoria Scarfone di 54, cognato e sorella della vittima, Antonio Scarfone. Questi fu assassinato a colpi d’arma da fuoco  il 14 agosto 2016. Gli indagati sono stati trasferiti in due carceri di Reggio Calabria.
Processo Eternit bis:: non è finita, si va in Cassazione. La procura di Torino e la procura generale del Piemonte  hanno infatti impugnato la decisione del tribunale sabaudo di derubricare l’accusa da omicidio volontario a omicidio colposo.
Una donna trentenne napoletana è stata arrestata dai Carabinieri a Roma per aver tentato di sopprimere la bambina di tre anni durante un ricovero all’ospedale Bambino Gesù,  somministrandole sedativi che le hanno provocato  due episodi di arresto cardiorespiratorio.

Alitalia. Il presidente Montezemolo annuncia un piano in ventuno giorni per risanare l’azienda: “un piano forte e coraggioso”, per di più “condiviso dai soci, perché non deve essere solo dei manager ma pienamente condiviso da soci arabi e soci italiani.”  Proprio per questo sarà sotoposto alla revisione di un advisor (consulente) industriale

Emergenza criminalità. Maxi-operazione del Comando provinciale dei Carabinieri di Bari contro il clan “Nuzzi” di Altamura, famiglia mafiosa leader nella Murgia: sequestrati beni immobili per 500.000 euro. Pioggia di imputazioni per le decine di arrestati: si va dall’associazione mafiosa al porto illegale di armi al traffico di droga all’estorsione.
Bancarotta fraudolenta a Catania: la GdF esegue misure cautelari e perquisizioni nell’ambito di un’inchiesta che vede al centro le distrazioni patrimoniali a danno di una clinica, l’Arka, e di un’azienda, Aligrup s.p.a. Agli arresti domiciliari l’imprenditore Salvatore Musumeci, che aveva interessi nel settore sanitario privato
Operazione “Big Brothers” a Lodi: la Guardia di Finanza sgomina un’organizzazione criminale dedita a spaccio di stupefacentiestorsioni e corruzione di pubblici ufficiali: diciassette le persone arrestate. Sei di esse sono state poste ai domiciliari.
La Polizia di Messina ha posto fine alle attività di una banda specializzata nella rapina delle ville: tra le nove persone arrestate, sette rumeni e due siciliani, ci sono anche gli autori  della brutale rapina ai danni di una coppia di coniugi ad Ucria. Le misure cautelari sono il frutto delle indagini partite dal commissariato di Patti

Rating. Processo per manipolazione del mercato: il Tribunale di Trani ha chiesto la condanna a 9 mesi di reclusione (a vui si aggiungono 16.000 euro di multa) ai danni di David Riley, analista di Fitch e all’epoca dei fatti incriminati (2011) responsabile delle rilevazioni per il rating sovrano. Il 2011 è stato l’anno del doppio declassamento dell’Italia, passata d’un colpo da A a BBB+: Fitch lo registrò ufficialmente nel gennaio 2012. Per il pm pugliese, Ruggiero, “non c’erano i presupposti perché l’agenzia di rating newyorkese operasse una tale penalizzazione”.

Enac.  L’’Ente Nazionale per l’aviazione civile comunica di aver sospeso nove dipendenti di una sede territoriale, gli stessi che avevano ricevuto un avviso garanzia "per irregolarità nelle timbrature in entrata e in uscita dalla sede di servizio.”

Inps. Sono 443.477 le pensioni evase nel 2016, -22,19%  rispetto al 2015 (allorché erano state 570.002).
 

Condividi su:

Seguici su Facebook