Centro Italia: dopo la neve, le esondazioni e i black out anche il terremoto

La scossa si è verificata tra Campostosto (Aq) e Amatrice (Rieti). Crolli ad Amatrice

pubblicato il 18/01/2017 in Attualità da Tino Colacillo
Condividi su:
Tino Colacillo

Non c’è pace per zone colpite dal sisma di agosto ed ottobre 2016 e per il Centro Italia in generale. 

Ai disagi legati al terremoto, e dopo le forti nevicate che stanno peggiorando sensibilmente le condizioni di vita di chi è rimasto nei paesi e del personale di soccorso, questa mattina si è aggiunta una nuove forte scossa sismica. 
Secondo i primi dati dell’Ingv la scossa, di magnituto 5,3, c'è stata alle 10:25 ad una profondità di 9 Km e si è verificata tra Amatrice e Campotosto. I comuni più vicini all’epicentro, con distanza compresa entro 10 km, fa sapere l’Ingv, sono Montereale, Capitignano, Campotosto, Cagnano Amiterno in Provincia dell’Aquila e Amatrice in Provincia di Rieti. 

La scossa è stata avvertita chiaramente a Roma, nell'aquilano, Marche ed Umbria. A Rieti diverse scuole sono state evaquate in via precauzionale. 

Ad Amatrice e Accumuli sono stati registrati diversi crolli.
Strada dei Parchi Spa, la società che gestisce le autostrade A24 e A25, ha comunicato la chiusura di tutte le stazioni dell’A24 per verificare eventuali danni.

(la comunucazione INGV su Twitter)

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password