Avvocato gay assume falsamente la paternità di un neonato

Le indagini partono da una segnalazione confidenziale

pubblicato il 31/01/2017 in Attualità da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

Scatta la richiesta di rinvio a giudizio per alterazione in concorso di stato civile di un neonato: un avvocato gay si finge padre di un figlio.
Succede a Milano: un avvocato, da anni convivente con il suo compagno, di origine albanese, fa arrivare una giovane donna, della stessa nazionalità del compagno, già in avanzato stato di gravidanza; l'avrebbe sposata, assumendo falsamente la paternità del nascituro, nato pochi giorni dopo le nozze.

Per la madre, per il falso padre e per il suo compagno è scattata la richiesta di rinvio a giudizio per alterazione in concorso di stato civile di un neonato. Il neonato, nel frattempo, è stato collocato in una comunità protetta e riaffidato alla madre biologica.

L’avvio delle indagini parte da una segnalazione confidenziale sul matrimonio del’avvocato, che conviveva con il fidanzato da ormai diversi anni.
La Polizia e la Digos della Questura di Pavia fanno scattare le indagini.

Sarebbe stata poi la stessa donna a presentarsi in Questura con il vero fidanzato, affermando che, in cambio del bambino, erano stati loro promessi 70 mila euro, ma di averne ricevuto solo cinquemila

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password