Corruzione. A Savona arrestati poliziotto e due funzionari pubblici

Nell'ambito della stessa indagine sono stati arrestati anche un marocchino, un albanese e una donna italiana con l'accusa di sfruttamento della prostituzione

pubblicato il 06/02/2017 in Attualità da Tino Colacillo
Condividi su:
Tino Colacillo

Savona -  Avrebbero percepito denaro e regali in cambio di agevolazioni per il rilacio di permessi di soggiorno, cambi di cognome e riduzione dei giorni di sospensione della patente. Con queste accuse un poliziotto e due funzionati del Ministero dell'Interno sono stati arrestati dalla Polizia.

Nell'ambito della stessa indagine sono stati arrestati anche un marocchino, un albanese e una donna italiana con l'accusa di sfruttamento della prostituzione. In quest'ultimo reato risulta coinvolt, con l'accusa di favoreggiamentodella prostiduzione,  anche il poliziotto indagato per corruzione.

Secondo gli investigari il poliziotto e i funzionari avrebbero sistematicamente abusato delle loro funzioni agevolando pratiche in cambio di denaro, vestiti, schede telefoniche, cene, assunzioni di amici, visite mediche, spese gratis nei negozi". 

 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password