Sì a fiducia su decreto-banche, Tobruk boccia accordo Italia-Libia

Il punto del mercoledì che riannoda il filo della politica italiana

pubblicato il 08/02/2017 in Attualità da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Pietro Grasso

Decreto banche.  Nel  corso del pomeriggio si era fatto sempre più concreto lo scenario della richiesta di un voto di fiducia al Senato da parte del governo, per permettere che anche la Camera voti il provvedimento, prima della scadenza. Lo scenario è diventato realtà poco dopo le 17.00. Il punto più controverso è l’emendamento da 97 milioni a favore della Ryder Golf Cup, approvato ieri in commissione finanze: tale modifica, firmata dal senatore Pd italo-americano Renato Turano, permette al Credito sportivo di concedere garanzie e fideiussioni per l’organizzazione di eventi internazionali, a partire dalla competizione golfistica mondiale prevista a Roma nel 2022.
Durissimo il presidente del Senato, Pietro Grasso, che ha definito “inammissibile” l'emendamento proposta da Turano perché  “estraneo al provvedimento e non c’entra nulla con la tutela del risparmio”.

Emergenza immigrazione. Il governo di Tobruk, parallelo e contrapposto a quello di Tripoli, considera nullo l’accordo sui migranti sottoscritto dall’Italia col governo di Serraj (cioè appunto quello di Tripoli)  la scorsa settimana.  La Camera dei Rappresentanti (questo è il nome ufficiale del Parlamento di Tobruk) ritiene che non ci sia “alcun obbligo materiale e morale" nei confronti dell’accordo, in quanto proveniente da un esecutivo, quello presieduto da al-Serraj (che, lo ricordiamo, è sostenuto da Stati Uniti, Regno Unito, Ue e Onu) privo di “uno status giuridico nello stato libico”. Perché davvero il memorandum sia considerato valido, aggiunge la nota, occorre che il popolo libico si esprima in materia, “attraverso i suoi deputati eletti democraticamente”. Il governo di Tobruk controlla attualmente quasi i ¾ del territorio libico.
Intanto il ministro dell’Interno, Marco Minniti ,pensa di utilizzare i richiedenti asilo in lavori socialmente utili non retribuiti.

Beppe Grillo. Piena fiducia al sindaco Raggi. Il leder del M5S riporta sul suo blog l’ultimo post pubblicato su Facebook dal primo cittadino della Capitale, con il titolo “I 91 successi di Virginia Raggi e del Movimento 5 Stelle” a Roma. La Raggi, a sua volta, ha rilanciato l’articolo sul suo profilo Twitter. Nel pomerioggio, poi, Raggi e altri sindaci pentastellati hanno fatto il punto della situazione nei loro comuni durante la conferenza di inaugurazione del novo sito Comuni5Stelle.it (www.movimento5stelle.it/comuni5stelle/).

Musei italiani. Scelti i nuovi 10 direttori manager dei musei pubblici. "Sono tutte eccellenze italiane", ha sottolineato il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini. Due di loro rientrano in Italia dopo un'esperienza professionale all'estero. Si tratta di sei archeologi e quattro storici dell'arte. Questo l'elenco completo: Daniela Porro al Museo Nazionale Romano, Simone Verde al Complesso della Pilotta (Parma), Filippo Maria Gambari al Museo delle Civiltà (Roma), Valentino Nizzo al Museo Etrusco (Roma), Andreina Contessa a Miramare (Trieste), Adele Campanelli al Parco dei Campi Flegreei, Rita Paris al Parco dell'Appia antica, Francesco Sirano al Parco di Ercolano, Fabrizio Delussu al Parco di Ostia Antica Andrea Bruciati a Villa Adriana e Villa D'Este a Tivoli

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password