10 bracconieri scoperti in Toscana: commercializzavano carne e trofei di cervi, cinghiali e daini

Sequestrati 45 fucili e oltre 200 chili di carne congelata

pubblicato il 29/11/2013 in Attualità da a cura della redazione
Condividi su:
a cura della redazione

Dieci bracconieri scoperti e denunciati dal Corpo forestale dello Stato e dalla polizia provinciale di Firenze, tutti residenti in Toscana nelle province di Firenze, Arezzo, Siena e Grosseto. Cacciavano di notte anche in zone interdette alla caccia, senza licenza e con fucili detenuti illegalmente, ricavando dalle prede (come cervi, cinghiali, daini, caprioli) carne congelata pronta per essere commercializzata, oltre a trofei e a soprammobili realizzati con le corna e le zampe degli ungulati. Nel corso delle indagini, coordinate dalla procura di Firenze, complessivamente sono stati sequestrati 45 tra fucili e carabine, 600 munizioni di vari calibri, 200 chilogrammi di carne surgelata di fauna selvatica, 95 trofei di esemplari tassidermizzati, 8 esemplari sottoposti alla normativa 'Cites' che tutela la fauna a rischio estinzione.

Approfondisci su arezzooggi.net

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password