Lunedì prossimo Papa Francesco farà visita all'isola di Lampedusa

Il Papa particolarmente colpito dal recente nubifragio del barcone di migranti

pubblicato il 01/07/2013 in Attualità da a cura della redazione
Condividi su:
a cura della redazione

Luedì 8 luglio Papa Francesco sarà sull'isola di Lampedusa per «pregare per coloro che hanno perso la vita in mare, visitare i superstiti e i profughi presenti, incoraggiare gli abitanti dell'isola e fare appello alla responsabilità di tutti affinché ci si prenda cura di questi fratelli e sorelle in estremo bisogno». Il pontefice, come rivela la sala stampa del Vaticano, è stato «profondamente toccato dal recente naufragio di una imbarcazione che trasportava migranti provenienti dall'Africa, ultimo di una serie di analoghe tragedie».
La visita sarà molto discreta.

IL COMMENTO DEL SINDACO - Il primo cittadino di Lampedusa, Giusi Nicolini, commenta con soddisfazione la decisione del Papa: «È un evento epocale, è il riconoscimento del fatto che non siamo più la fine dell'Italia e dell'Europa, ma siamo l'inizio. Da qui partirà un messaggio che costringerà il mondo ad aprire gli occhi su quello che è stato sofferto solo da questa piccola isola, sperduta nel Mediterraneo».
Per la Nicolini sarà l'occasione buona per far capire al mondo intero che quella di Lampedusa non è un'emergenza, ma un dramma storico perché: «lo viviamo da 15 anni. Non possiamo chiudere gli occhi sul Mediterraneo che è diventato cimitero marino, non possiamo restare inermi ad assistere a tutto ciò. Lampedusa non può essere lasciata sola in questo compito immane. Con la visita di papa Francesco, finalmente è la fine di grande solitudine».

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password