Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Le dieci regole perché le donne non perdano tempo

Le donne devono gestire molte situazioni e corrono il rischio di perdere il filo

Condividi su:

Sempre più manager si rivolgono a società che possano aiutarli in una migliore gestione degli impegni  e vengono indirizzati  a società di formazione manageriale e personale.  Elisabetta  Martelloni è stata buna manager HRD, ha lavorato con imprenditori  uomini e donne affinché  potessero  ottenere ancora più risultati di quelli raggiunti.  HRD dall’inglese Human Resources Development , (sviluppo delle risorse umane) esiste  in Italia dal 1992 e negli ultimi anni alcuni dei gruppi industriali nazionali più importanti, hanno chiesto la sua collaborazione per la formazione dei propri manager, per citarne solo alcuni: Fiat, Ergo , Treccani, Fast Web, Tecnocasa, Vodafone. HRD è stata  fondata da Roberto RE, già stretto collaboratore  di Anthony Robbins il guru statunitense  della formazione.

Quali sono le lezioni maggiormente seguite dagli imprenditori e dai manager? Elisabetta Martelloni non ha esitazioni “Il  problema  più sentito da queste persone è la gestione del tempo. Spesso si riducono a vivere in urgenza, a fare le cose all’ultimo minuto senza aver pianificato in modo adeguato. Insomma si ritrovano spesso a vivere facendo quel che devono piuttosto che quello che vogliono , perdono il valore delle priorità. “
Pare che le donne, sia per natura, dotate  già fisicamente di una visione periferica, che permette  loro una panoramica più vasta di ciò che le circonda  rispetto alla visione a tunnel maschile. IL gentil sesso  è quindi  abituato a gestire  più ruoli e arriva alle lezioni del  corso  meno arenato,   ma resta il grande stress di dover gestire più cose contemporaneamente rispetto ai colleghi uomini.  Per loro sono pronte le dieci regole d’oro: imparare a dire no, eliminare le distrazioni, non voler fare sempre tutto, occuparsi di una cosa alla volta. Scrivere tutto nell’ agenda, imparare a sfruttare i tempi morti  e quelli di massima resa, non rimandare mai, chiedersi sempre “sto facendo il mio uso del mio tempo ?” e infine pianificare la mezzora dei problema, quel lasso di tempo dove si analizzare le problematiche della giornata e come risolverle.

Condividi su:

Seguici su Facebook