Nola: manifestazione di protesta dopo l'ennesimo suicidio di un'operaia

Stamattina a Nola i manifestanti si sono gettati a terra con l'addome e le braccia dipinti di vernice rossa simulando la morte

pubblicato il 27/05/2014 in Attualità da Lucia Di Candilo
Condividi su:
Lucia Di Candilo

Stamattina alcuni esponenti del Comitato di lotta cassaintegrati e licenziati dello stabilimento Fiat di Pomigliano hanno protestato stendendosi a terra davanti al polo logistico del Lingotto a Nola. I manifestanti si sono dipinti braccia e addome con della vernice rossa e si sono gettati sull’asfalto simulando la morte, per ricordare così gli operai in CIG (cassa integrazione guadagni) che si sono tolti la vita in questi mesi a causa di problemi economici dovuti alla forte crisi e ai licenziamenti. L’ultima vittima, ricordano i manifestanti, risale a una settimana fa: Maria Baratto in cassa integrazione da 6 anni alla Fiat di Nola. Negli ultimi mesi era caduta in una forte depressione e ha deciso di farla finita togliendosi la vita la settimana scorsa nella sua abitazione ad Acerra.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password