Arrestato ristoratore calabrese

Ha ucciso un 25enne sparandogli al petto. Ora detenuto nel carcere di Catanzaro.

pubblicato il 17/08/2014 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

Giuseppe Costantino, 54 anni, ha sparato contro un 25enne, Valentino Rizzo, il giorno prima della festa dell'Assunta. L'uomo confessa il suo crimine, però sostiene che sia stato accidentale. Per ora si trova in carcere con l'accusa di omicidio. Sono in corso le ricerche dell'arma del delitto.

Il ristoratore dell'Isola di Capo Rizzuto, Giuseppe Costantino, è stato fermato ieri dai carabinieri, accusato di aver ucciso Valentino Rizzo nella sera del 14 agosto. Ci sarebbe stata, secondo sua stessa ammissione, un diverbio con il padre del giovane e sarebbe poi successivamente degenerato in minacce e lo sparo fatale. Ad originare il conflitto sarebbe stata un'infamia che l'imprenditore, già conosciuto per precedenti dalle forze dell'ordine, avrebbe fatto a i danni della compagna del 25enne Valentino Rizzo. Una volta accesi gli animi, Costantino sarebbe andato in auto, una Opel Antara, preso il fucile da caccia, che usava illegalmente senza licenza, e minacciato i due uomini. Ma, sempre secondo quanto sostenuto dal ristoratore calabrese, involontariamente sarebbe partito un colpo dall'arma da fuoco che ha poi trafitto il petto del giovane Rizzo, togliendogli la vita. L'assassino è poi scappato e non si sono avute sue tracce sino alla sera del 15, quando è tornato alla sua abitazione nella quale avevano fatto sopralluogo i carabinieri. È stato bloccato dalle forze dell'ordine e portato in carcere con l'accusa di omicidio, si dovrà poi capire se volontario o colposo. Per ora sono in corso le indagini sul caso e le ricerche per ritrovare l'arma del delitto.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password