Trovato morto in montagna bimbo di 8 anni: scomparsa la madre

la tragica scoperta in alta Val Brembana, nella provincia di Bergamo

pubblicato il 29/08/2014 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Un pastore si è avvicinato alla tenda, essendosi accorto del suo posizionamento erroneo, quando ha visto una luce accesa ma non ha avuto risposta ha pensato ad un malore, quindi ha aperto la cerniera ma nessuno era presente. Dentro soltanto un paio di zaini e un foglio illustrativo di un potente farmaco antidepressivo, insieme ad un telefono cellulare, che l'uomo ha consultato per mettersi in contatto con i parenti del proprietario, che informati della situazione hanno chiesto di dare immediatamente l'allarme. E' accaduto intorno alle 20 di ieri sera a Cusio, paese dell' alta Val Brembana nel bergamasco, intorno al sentiero 109 che attraversa la valle per andare in direzione Cà San Marco, a 1.850 metri di altitudine dove un pastore del posto, avendo già notato la tenda dalla mattina, voleva far notare che il terreno impervio dove era stata messa non si prestava al campeggio. Ai piedi del monte Avaro in poco tempo sono arrivati i Carabinieri e gli uomini del Soccorso Alpino, che a poca distanza dalla tenda, in un vicino sentiero, hanno ritrovato il corpo senza vita di un bimbo, poi identificato come Patrick Lorenzi, 8 anni, figlio di Jessica Mambretti, una 40enne di Ponteranica (Bergamo) a cui è stata associata la tenda e gli effetti personali trovati al suo interno e che tuttora è irreperibile. La donna pare da tempo afflitta da sindrome depressiva, dopo la separazione dal suo convivente, e che da tempo era seguita dai servizi sociali comunali del suo paese, “un periodo difficile” - come lo ha chiamato la madre, quando è stata avvisata per la sparizione della figlia e ha chiesto di dare l'allarme. Durante questa mattina le ricerche della donna da parte del Soccorso Alpino e delle Forze dell'Ordine stanno  continuando, nonostante la fitta nebbia che già di prima mattina ha reso difficoltosa la battuta delle squadre impegnate in montagna. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password