Totò Riina: "Berluconi ogni sei mesi ci pagava"

Riina rivela come si articolò il patto tra Cosa Nostra e Berlusconi

pubblicato il 01/09/2014 in Attualità da Lucia Di Candilo
Condividi su:
Lucia Di Candilo

Una rivelazione pesante quella del boss di Cosa Nostra, Totò Riina a Lorusso durante l'ora d'aria al carcere milanese di Opera, è finita nelle intercettazioni del pm. Silvio Berlusconi "a noi altri ci dava 250 milioni ogni 6 mesi" racconta Riina al co-detenuto Alberto Lorusso. Peccato che queste dichiarazioni siano finite nelle intercettazioni disposte dai pm di Palermo nel processo sulla trattativa Stato-mafia. Nelle conversazioni con Lorusso, riportate su Repubblica, Riina per la prima volta racconta la dinanica dell'accordo tra i vertici di Cosa Nostra e Berlusconi.

Secondo le dichiarazioni di Riina, i pm hanno la conferma del ruolo da intermediario svolto da Dell'Utri: "È venuto il palermitano – continua Riina – mandò a lui, è sceso il palermitano, ha parlato con uno… si è messo d’accordo… dice, vi mando i soldi con un altro palermitano, c’era quello a Milano. Là c’era questo e gli dava i soldi ogni sei mesi a questo palermitano. Era amico di quello… il senatore”. 

"Il senatore" a cui il boss di Cosa Nostra fa riferimento è, appunto, Dell'Utri definito da Riima una "persona seria" mentre, "il palermitano" potrebbe essere il boss Tonino Cinà.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password