Piccoli taccheggiatori crescono. “Vengo in questura ma non chiamate papà”

L'episodio di baby criminalità a Lucca

pubblicato il 08/11/2014 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Forse la “crisi” e le sue prodotte ristrettezze economiche, forse il bisogno di indipendenza “da grandi” oppure il desiderio di infrangere la legge, fare qualcosa di “illegale e proibito” hanno spinto un tredicenne al furto in Toscana, a Lucca. Una  carriera criminale peraltro stroncata, per fortuna, dall'intervento della Vigilanza Privata e della squadra volante della Polizia di Stato ma di cui non è dato sapere se contenuta nel singolo episodio accaduto o continuata fino ad esso. Una risposta difficile e dubbia, data la risposta del bimbo sull'accaduto. Continua a leggere..

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password