Torino, baby stupratori in azione: violentavano da mesi una tredicenne

Costretta al silenzio da un tremendo ricatto

pubblicato il 21/02/2015 in Attualità da Davide Zedda
Condividi su:
Davide Zedda

Violentata dai compagni di scuola, in un garage abbandonato alla periferia di Torino, e costretta al silenzio per non vedere le foto e i video di quell’orrore finire in mano ai genitori. Protagonista di questa drammatica vicenda, raccontata da quotidiano "La Stampa", una tredicenne.
 

Per mesi è stata costretta a subire ogni tipo di umiliazione dai baby-stupratori, suoi coetanei. Fino a quando si è ribellata e per vendetta il branco ha spedito una foto alla madre, che ha denunciato tutto alla polizia. Una storia di violenza e di degrado.

"Tutti nel quartiere conoscevamo questa storia", racconta al quotidiano torinese uno studente della scuola frequentata dalla ragazzina e dai suoi stupratori.

"Sembrava una cosa normale - aggiunge - non avevamo capito che le avevano fatto dei video e la stavano ricattando".

La polizia ha sequestrato telefoni e computer: nella banda del garage sarebbero pochi quelli che hanno compiuto quattordici anni. La loro vittima ha cambiato scuola.

"È un fatto gravissimo - è il commento del preside - che adesso rischia di creare pregiudizi nei confronti di un quartiere che sta cercando di uscire dall’isolamento".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password