Le Forze Armate e le operazioni di pace in una conferenza a Roma

Relatore il Ten. Colonnello e MOVM Gianfranco Paglia

pubblicato il 05/03/2015 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Un tema attuale e delicatissimo quello delle Operazioni di Pace che Gianfranco Paglia, Tenente Colonnello dell'Esercito e già Medaglia d'Oro al Valor Militare, ha trattato oggi a Roma, come ultimamente in alcune trasmissioni televisive.

"Le Forze Armate nelle Operazioni di Pace" questo il tema della Conferenza svolta questa mattina presso l' Highlands Institute di Roma, che ha avuto come  relatori il Ten. Col. Gianfranco Paglia e Il capitano Carla Brocolini. Di fronte ad una platea attenta è stato trattato il delicato tema delle missioni di pace e dicome il nostro esercito sia preparato per affrontare le più svariate minacce. 

L'Esercito Italiano - ha spiegato il Ten. Col. Gianfranco Paglia,consigliere del ministro della Difesa, è composto da un numero di soldati  sufficienti per poter lavorare sia sul territorio nazionale che internazionale ed è ben addestrato e pronto a salvarci da eventuali attacchi. 

Nel sottolineare ancora una volta qual è la vera attitudine dei militari italiani ha dichiarato: il soldato italiano non fa la guerra, ma è un portatore di pace e continueranno ad esserlo anche di fronte a minacce terroristiche che non avvengono da altri  eserciti ma da persone che sono capaci di farsi saltare in aria. I ragazzi che  tornano dalle missioni in una bara avvolti dal Tricolori sono i veri eroi e a loro va il nostro ringraziamento. A noi, invece – ha sottolineato Paglia - il sacrosanto dovere di ricordarli sempre. Questi incontri, resi possibili grazie ad un protocollo d'intesa siglato con il Miur e la Difesa, servono proprio a fare chiarezza su quella che è la figura del soldato italiano e in che cosa si differenzia dagli altri.

 Differenze fondamentali, di cui una evidenziata dal cap. Carla Brocolini:  In Italia ledonne all'interno delle Forze Armate sono paritetiche all'uomo ed hanno la stessa opportunità per raggiungere gli obiettivi, cosa che negli altri Paesi non accade.


Un avvicinamento, l' incontro tra due aspetti di vita, quella militare e quella civile che non sono mai distanti ma altresì costituiscono parte della stessa realtà di un paese che incontri pubblici come questo aiutano a comprendere.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password