Giornate di Pasqua: occhio ai ladri in treni e stazioni

Da sempre le feste sono il periodo d’oro per ladri e borseggiatori

pubblicato il 04/04/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

In occasione della Pasqua 2015 la Polfer (polizia ferroviaria) mette a disposizione 1500 uomini in più per controlli in treni e stazioni , molti dei quali in borghese.
Armando Nanei, direttore del servizio di Polizia ferroviaria  spiega:  ''Nei giorni in cui sono tantissimi i passeggeri che si accalcano nelle stazioni   il reato più comune è sicuramente quello del borseggio. La difesa migliore è come sempre quella di non perdere mai di vista il proprio bagaglio, tenere soldi e documenti nelle tasche interne e le borse ben chiuse e, ovviamente, prestare attenzione dove ci si accalca maggiormente''.

Tra le  modalità di borseggio usate dai ladri per operare indisturbati, quella di urtare la vittima perché si distragga, oppure la copertura con un indumenti  della mano che compie il furto.  Ci sono anche altre tecniche consolidate, come sporcare gli abiti della vittima e  poi avvicinarsi per aiutarla e nel mentre colpire.
Classica quella di chiedere aiuto  raccontando di presunte disgrazie per far  far 'abbassare la guardia' alla vittima designata

Contro tutte queste strategie le modalità di difesa sono le seguenti:
Occhi bene aperti, non addormentarsi con borse a portata di mano di chi passa, non sostare oltre il necessario nei sottopassaggi, non acquistare   biglietti da chi vende  illegalmente o offre servizi abusivi come taxi, alberghi e giri turistici.
Sono maggiormente a rischio  le tratte frequentate per raggiungere  le principali  città d'arte (Venezia, firenze, Roma)  e  rinomati  luoghi di villeggiatura.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password