Crac Cirio : confermate condanne per Sergio Cragnotti e Cesare Geronzi

Confermate le condanne inflitte il 4 luglio ai protagonisti del fallimento Cirio

pubblicato il 11/04/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

La Corte d'Appello di Roma conferma le condanne per i due protagonisti del fallimento della società Cirio , confermata la condanna di Sergio Cragnotti per bancarotta riducendogli comunque la pena a 8 anni e 4 mesi rispetto ai nove anni inflitta in primo grado, e confermata  per Cesare Geronzi la condanna a 4 anni.

Ridotte le pene, per il figlio di Cragnotti Andrea a 2 anni e 4 mesi mentre per il genero Filippo Fucile la pena è di 3 anni 10 mesi. Prescritte le accuse per gli altri due figli di Cragnotti Massimo ed Elisabetta che in primo grado erano stati condannati a 3 anni e 4 mesi.

La Corte ha confermato le pene per i due funzionari della Cirio Michele Casella e Ettore Quadrani. Casella ha avuto 3 anni, Quadrani 3 anni e 4 mesi. Gli altri funzionari Locati e Nottola hanno avuto 2 anni ciascuno Molte delle accuse sono state eliminate per prescrizione. Confermate poi le assoluzioni decise in primo grado per altri 13 imputati tra cui anche la moglie di Cragnotti Flora Pizzichemi e Giampiero Fiorani.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password