Infermiere in manette per peculato e truffa

Catania: usava materiale dell'ospedale in una clinica privata

pubblicato il 16/04/2015 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

È stato arrestato stamattina un infermiere professionale di Paternò per truffa e peculato. Svolgeva abusivamente l'attività medica presso una clinica privata, utilizzando materiale che prendeva dall'ospedale dove prestava servizio. Sono indagati anche altre persone, tra cui un medico dello stesso nosocomio.

Si chiama Antonio Consolato Pina, 62enne infermiere professionale di Paternò. È stato arrestato dalla Guardia di Finanza di Catania per peculato, truffa ed esercizio abusivo della professione medica. L'infermiere siciliano prendeva dei farmaci dall'ospedale dove lavorava per usarli poi presso una clinica privata dove faceva l'anestesista abusivamente e anche durante l'orario di lavoro.
Tra gli indagati ci sono anche un medico dello stesso ospedale e titolari di case di cura, tra cui uno di Palermo.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password