Giovedì vertice europeo per affrontare il problema dei migranti

Renzi : "Chiedo all’Europa che fa riunioni anche sul pesce palla una riunione sui migranti"

pubblicato il 21/04/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

L'Unione europea pare voglia raddoppiare i fondi  per la missione di pattugliamento nel Mediterraneo Triton. Questo secondo quanto affermato dal  ministro dell'Interno tedesco, Thomas de Maiziere che ha fatto sapere che si sta discutendo anche di un piano composto da dieci punti per  su iniziativa dall'esecutivo Ue per affrontare  il problema. Angela Merkel  tramite il suo portavoce comunica  che la Germania ha intenzione di agire per  prevenire ulteriori tragedie   nel Mediterraneo e che sente più che mai l’esigenza di muoversi in tempi rapidi  per concordare misure appropriate.

Renzi dichiara ""Io ho chiesto che l'Europa giovedì, dopo aver fatto riunioni su tutto, anche sul pesce palla, dedichi un Consiglio europeo al problema dei migranti".
Il premier Renzi dice no al  blocco navale: "Il blocco navale in acque internazionali significa far fare il taxi agli scafisti. Lo si dica a chi lo propone". "Diverso il ragionamento -aggiunge il premier- se potessimo farlo in acque territoriali libiche. Ma ci vuole un accordo internazionale, e soprattutto un accordo con il governo libico, che tuttavia è diviso. O altrimenti dovremo dichiarare guerra, ma si può fare?".

La Lega  resta invece sempre più convinta del blocco navale , lo si deduce da un tweet di Matteo Salvini  "Blocco navale, stop a partenze e basta arricchire scafisti e terroristi! Meno persone partono, meno muoiono".
Gli fa eco il presidente della Regione Lombardia per il quale urge  blocco navale e campi profughi in Libia. Questa la sua dichiarazione rilasciata ieri dopo dell'inaugurazione del nuovo terminal 1 all'aeroporto varesino della Malpensa, "L'Unione europea e le Nazioni unite devono andare in Libia. Bisogna andare lì, fare lì i campi profughi e mettere le navi militari a dieci miglia dalle coste della Libia perché se qualcuno parte viene riportato indietro. Così si salvano le vite umane, sennò sono solo chiacchiere".

Maroni aggiunge "Questi muoiono perché partono. Bisogna fermare le partenze. E fermare le partenze si può fare con i campi profughi in Libia e il pattugliamento davanti alle coste libiche". Ma non bisogna perdere ulteriore tempo: "Bisogna decidere. Renzi invece continua a chiacchierare e l'Europa non c'è. Bisogna partire subito e questa è la soluzione
 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password