Mogherini presenta all'Onu il piano europeo per l'immigrazione

Oggi all'Onu anticipazione sulla nuova strategia Ue sull’immigrazione

pubblicato il 11/05/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

La Commissione Ue  è pronta a cambiare strategia per affrontare il problema immigrazione e Federica Mogherini la anticiperà oggi nella prima riunione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu.
I pilastri  della nuova strategia sono quattro:  aiuto ai Paesi di origine e transito dei migranti,  controllo delle frontiere a sud della Libia e nei Paesi limitrofi, missioni di sicurezza e difesa contro trafficanti e scafisti e infine, il più  spinoso, l'obbligatorietà della suddivisione dei profughi in base ad un meccanismo di quote.

Per i primi due punti  I primi due punti  aiuti controllo delle frontiere, con interventi di sicurezza sulle infrastrutture non ci sono problemi economici dal momento che  l'Europa è il primo donatore mondiale  e ha disponibilità di circa 20 miliardi per cooperazione e sviluppo.
Il terzo punto  riguarda la missione nell'ambito della politica di sicurezza e difesa,  dipende tutto all'Onu e dai  tempi per l'approvazione della risoluzione preparata dall'Italia e presentata dalla Gran Bretagna.

Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha dato come tempo dieci giorni. Una decina di giorni per capire  se oltre  al sostegno  di Francia, Gran Bretagna, Spagna e Lituania, si possa contare anche su quello degli altri undici membri.
Il punto più controverso rimane l’ultimo  ossia la redistribuzione dei migranti, con quote obbligatorie da stabilire in base alla ricchezza del Paese, al tasso di disoccupazione, ai numeri degli asili già concessi.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password