Roma: catturati i due rom fuggitivi responsabili dell'investimento mortale a Battistini

Hanno 17 e 19 anni e sarebbero fratelli

pubblicato il 01/06/2015 in Attualità da Lucia Di Candilo
Condividi su:
Lucia Di Candilo

Sono stati presi dagli uomini della polizia dopo giorni di ricerche i due ragazzi rom -uno di 17, l'altro di 19 anni - responsabili dell'incidente che ha provocato 8 feriti ed che è costato la vita a Corazon Abordo,  una donna filippina di 44 anni.

I due fuggitivi sarebbero fratelli e sono stati rintracciati stamattina dalla Squadra mobile: il 19enne bloccato in Sardegna e l'altro in una borgata romana, Massimina, non distante dal luogo della tragedia. 

Per l'incidente era già in carcere una 17enne che deve rispondere di concorso in omicidio volontario e che la sera della tragedia si trovava a bordo della Lancia Lybra che ha seminato terrore in zona Boccea. Per gli altri due appena catturati l'accusa è di omicidio volontario. 

Sull'incidente , Maddalena, la 17enne arrestata subito, ha dato ben 5 versioni differenti. Altre 3 il suocero Batho: una serie di versioni contrastanti, dichiarazioni e ritrattazioni, bugie e mezze verità,  che non hanno impedito alle forze dell'ordine di fermare i due pirati della strada, autori della tragedia in via Mattia Battistini,  davanti la metropolitana. 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password