Mafia Capitale : Marino non molla, M5s: "Tutti a casa"

Il sindaco di Roma non vuol sentire parlare di dimissioni nonostante lo scandalo

pubblicato il 10/06/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Manifestazione ieri del movimento 5 stelle davanti al Campidoglio con il quale si è chiesto le dimissioni di tutta la giunta comunale sindaco in testa, ma Marino non sente ragioni  e ribadisce: "Ora è il momento di andare avanti, perché finalmente in Campidoglio si sta cambiando tutto". 

Marino si dissocia totalmente dai personaggi responsabili di aver imbastito l’impalcatura  che ha portato all’operazione “mafia Capitale”  e chiosa sicuro "Quelli di cui non mi fido non li frequento. Sulla mia giunta io garantisco. Ho degli assessori straordinari."

La bufera imperversa e sta toccando molteplici e disparati ambiti. Ultimi in ordine cronologico gli arresti da parte della Guardia di Finanza di 6  persone , tra cui un alto dirigente in servizio alla Sovrintendenza dei beni culturali di Roma Capitale che avrebbe favorito un imprenditore nell'iter procedurale per l'aggiudicazione di gare pubbliche. Anche in questo caso appalti truccati tra cui il restauro dell'aula Giulio Cesare del palazzo Senatorio dove si riunisce il consiglio comunale.

Tra i reati imputati agli arrestati, associazione a delinquere, truffa aggravata e continuata a danno del Comune di Roma, falso, turbativa d'asta, emissione e utilizzo di fatture false, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte con l'aggravante del reato transnazionale, commesso a Roma, Lussemburgo e altrove.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password