Firenze, la violenza del nubifragio d'agosto

In meno di un'ora caduti 35 mm di acqua nella città paralizzata dal maltempo

pubblicato il 02/08/2015 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Treni in tilt, oltre mezzo metro d'acqua in molte strade, con persone che si sono messe in salvo salendo sulle auto e i cassonetti: Agosto così arriva a Firenze.


Pioggia, violente raffiche di vento e anche grandine. Questo lo scenario meteo del violento nubifragio che ha colpito nel pomeriggio di ieri il capoluogo toscano.

Danni diffusi in tutta la cintura cittadina, con i Vigili del Fuoco e il sistema di Protezione Civile locale che hanno dovuto fronteggiare decine di richieste d'aiuto, con il traffico ferroviario che ha visto molti treni bloccati nelle stazioni ed altri che hanno dovuto rinunciare all'arrivo nella città toscana.

La zona sud del capoluogo è quella che ha registrato il maggior disagio, con un impianto di potabilizzazione fuori uso e numerosi tetti strappati dalle abitazioni, mentre molte strade venivano allagate da oltre mezzo metro d'acqua, insieme a sottopassi e scantinati: molte le persone che, trovatisi in strada nel momento, hanno trovato rifugio arrampicandosi sui tetti delle auto o sui cassonetti, come nel quartiere di Gavinana, dove l'acqua ha toccato il metro di altezza.

Stando ai dati diffusi dal Comune di Firenze sono stati registrati 35 mm di acqua caduta in 45 minuti, sommata alle fortissime raffiche di vento, che hanno fatto imperversare le acque su tutta la città e nel circondario.

Numerosi feriti, colpiti dai rami caduti mentre la Protezione Civile è intervenuta a supporto dei passeggeri, rimasti sui treni fermi dopo il blocco della linea in direzione Roma.
Danni al Museo del Bargello, dove l'acqua ha colpito alcune strutture in legno mentre agli Uffizi è stata registrato l'allagamento di un locale tecnico, ma nessun pericolo per le opere d'arte.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password