Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

A luglio raggiunto il numero record di migranti in Europa

Arrivati 107.500 migranti nel mese di luglio alle frontiere europee

Condividi su:

E’ la più grande crisi migratoria che tocca l’Europa dopo la seconda guerra mondiale e lo testimoniano i numeri record: 107500 migranti  nel mese di luglio, secondo quanto riferito dall’agenzia europea Frontex incaricatai di organizzare la cooperazione tra i paesi membri della Ue.

Nelle isole greche sono arrivati 21 mila migranti la settimana scorsa,  persone che scappano dalla guerra, dalla violenza e dalla miseria. Disperati  che arrivano dalla Siria, dall'Irak   e Afghanistan, e per questo  l'ONU, ha chiesto alle autorità greche di  venire loro incontro malgrado la grave crisi economica che il paese sta attraversando. In una settimana si sono avuti più arrivi che in un semestre del 2014.

La Germania , destinazione scelta da numerosi migranti, stima che le richieste di asilo per il 2015 possanno arrivare a 750mila , una cifra record secondo il quotidiano economico tedesco Handelsblatt . Il Ministro dell’interno Thomas de Maizière si esprimerà giovedì 20 agosto su queste previsioni. Sempre secondo le stime la Germania nel 2014 ha accolto il 32,4%  del totale delle  domande d’asilo arrivate in Europa.

Relativamente alla frontiera franco-britannica Parigi e Londra firmeranno giovedì un accordo sulla gestione dei migranti che si stanno ammassando a Calais , sulla costa Francese nella Manica. Nel corso dell’incontro sarà affrontatati  il tema della sicurezza per la lotta contro i criminali che sfruttano la situazione per infiltrarsi in Europa , e l’aiuto umanitario da fornire. 

L’alto commissario per i rifiugiati ha domandato alla Grecia di rinforzare le strutture di accoglienza sulle isole ed approntare così un sistema di assistenza adeguato. Dal primo di febbraio al 14 agosto 2015 sono arrivate in Grecia circa 160 000 migranti dalla frontiera con la turchia. Nello stesso periodo 2400 migranti sono morti durante il loro viaggio.  
Numerosi gli arrivi sull’isola di Kos dove la settimana scorsa sono arrivati 7000 migranti e dove purtroppo le strutture e la macchina organizzativa dei soccorsi va a rilento dimostrando una disorganizzazione pericolosa perchè fautrice di una situazione  estremamente complicata e difficile da gestire .

Condividi su:

Seguici su Facebook