Suicidio di un pensionato dopo aver perso i risparmi di una vita con Banca Etruria

Un pensionato di Civitavecchia si è tolto la vita dopo aver perso tutti i suoi soldi investiti in Banca Popolare dell'Etruria

pubblicato il 10/12/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Dopo aver capito che i suoi risparmi investiti nella Banca Popolare dell’Etruria e Lazio,sarebbero andati persi un pensionato 68enne di Civitavecchia si è suicidato impiccandosi. 

Non è il solo ad aver perso i risparmi di una vita  investiti nella Banca Popolare dell’Etruria e Lazio, ma sono diverse le vittime  dell’esproprio del risparmio anticipato del bail-in.
Esproprio che le  associazioni dei Adusbef e Federconsumatori, non esitano a definire “criminale” mentre si dicono "addolorate” nell’aver appreso la  tragica notizia del suicidio dell’uomo.
Le due associazioni esprimono le condoglianze alla vedova , non nascondono la loro ira,  poiché da anni combattono contro i mandanti, “la cui omessa vigilanza ha bruciato sudore e sangue di 130.000 famiglie ridotte sul lastrico", e cercano di riportare gli animi alla calma , esortando "i risparmiatori truffati a non commettere gesti sconsiderati."


Adusbef e Federconsumatori  fanno sapere di aver chiesto al Procuratore capo di Civitavecchia, Gianfranco Amendola, di aprire una indagine per istigazione al suicidio, verificando se il decreto di Bankitalia recepito dal Governo, sia compatibile con le norme penali e con la Costituzione italiana, che all’art. 47 tutela il pubblico risparmio". 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password