A Norcia cittadinanza europea per Gianfranco Paglia

A febbraio una serie di incontri con le scuole dedicati alle Operazioni di Pace

pubblicato il 15/12/2015 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Il Ten. Col. Gianfranco Paglia, consigliere militare per il ministro della Difesa Roberta Pinotti, nel corso di una breve cerimonia tenutasi al palazzo comunale di Norcia (Pg) ha ricevuto dall’assessore ai lavori pubblici e ambiente Giuliano Boccanera la Carta di cittadinanza europea .
E’ stato un onore – commenta l’assessore Boccanera – poter organizzare, insieme al Comune di Spoleto, dove il Colonnello aveva fatto tappa precedentemente, una visita guidata nella nostra città e cogliere l’occasione per definire alcuni progetti da realizzare già nei primi mesi del prossimo anno.

Progetti importanti che interesseranno direttamente anche le scuole del  territorio: In collaborazione con il Comune di  Spoleto – anticipa Boccanera – per il primo e per il secondo mercoledì di febbraio 2016 abbiamo calendarizzato, in entrambe le città, una serie di incontri celebrativi del 60° anniversario della nascita delle operazioni di pace dell’ONU.

In questi incontri saranno illustrati agli studenti – ha dichiarato il Ten. Col. Gianfranco Paglia-  il significato e il valore delle missioni di pace nel mondo ma anche, più in generale, i sacrifici dei tanti militari coinvolti e il loro instancabile impegno nelle attività di salvaguardia della sicurezza, di consolidamento della pace e di promozione del dialogo tra diversi continenti e civiltà. 

Valori, quest’ultimi, che sono stati molto cari al Santo Patrono d’Europa e che la Carta di cittadinanza europea - attestato simbolico istituito dal Comune di Norcia nel 1989, in occasione del 25° anniversario della proclamazione del Santo di Norcia a Patrono principale dell’intera Europa - richiama, riportando integralmente l’atto con il quale Papa Paolo VI definì San Benedetto Messaggero di pace, Realizzatore di unione, Maestro di civiltà, Araldo della religione in Cristo e Fondatore della vita monastica in Occidente: cinque titoli che esaltano la sua figura e riassumono la profondità del suo insegnamento, quello cioè della famosa Regola, basato sul motto Ora et Labora

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password