Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il racconto di una vendemmia in famiglia nel solco della tradizione

Dall'uva al buon vino, racconto di una tradizione centenaria

Condividi su:

che ci introduce nelle prime frescure autunnali.
È tempo di raccolta e nella grande famiglia di Berardino sono tutti alle prese con l’uva, ben tre generazioni a confronto, dai nonni Paolo e Antonia fino alla giovanissima nipote Elisa, onorando una tradizione lunga e lontana oltre un secolo.

Nell’attesa che rientrino i trattori dalla campagna sono Pina e la figlia, a raccontarmi la loro vendemmia che inizia sempre da metà settembre e si conclude dopo un mese  distinguendo “la raccolta dell’uva bianca prima, della nera poi”.
“Per poter ottenere un vino di buona qualità occorre svegliarsi la mattina presto con il primo sole” ci confida Pina “ e quando andiamo sotto i capanni ci serviamo di…” e distraendo il suo volto dai pomodori indica un punto nel cortile esortando la figlia a mostrarmi qualcosa.
Elisa infila con mano esperta una vera imbracatura che non nasconde una pesante fattura che serve ad appoggiarvi il contenitore nel quale si fanno cadere gli acini.
“Nei tendoni l’uva si raccoglie in alto, mentre con i filoni in basso “ prosegue Pina e la figlia non manca nel farmi notare quanto sia faticoso per braccia e spalle, soprattutto se, come nel suo caso, è la prima esperienza di vendemmia.

continua su http://www.lancianonews.net

Condividi su:

Seguici su Facebook