Alba Parietti si scaglia contro Barbara D'Urso: "questo tipo di tv mi fa paura"

"Non si può calpestare la dignità delle persone come accade spesso, se non sempre, nei suoi programmi"

pubblicato il 15/02/2017 in Costume e società da Costanza Tosi
Condividi su:
Costanza Tosi

E' andata come un tir contro Barbara D'Urso e la sua tv. Alba Parietti ha detto: "Non condivido l’utilizzo che fa del mezzo televisivo. Mi spiego meglio: non si può calpestare la dignità delle persone come accade spesso, se non sempre, nei suoi programmi".

Contro Barbara D'Urso e il suo modo di fare tv, Alba Parietti aggiunge: "E' pur vero che ci sono tante persone che non aspettano altro, ma allo stesso tempo è anche vero che ci sono persone che non sono in grado di affrontare la tv, i suoi tempi e il suo linguaggio. Non si può prendere una persona in preda al delirio perché, magari, ha perso un familiare e strumentalizzare il suo dolore. A me questo tipo di tv, fa paura. Penso che ognuno possa fare quel che vuole e quel che meglio crede, ma io non farei mai certe cose".

Sulla sua partecipazione a sorpresa nello show di Milly Carlucci, invece spiega: "Al di là di Milly Carlucci che è una signora e una professionista come poche, e dell’amicizia con Ballandi, è un programma che non mina il mio lavoro e che, volendo, mi insegna anche qualcosa di nuovo. E' un momento della mia vita in cui ho bisogno di stimoli. La mia più grande paura, ancora oggi, è la noia e col passare degli anni ho scoperto che io ho bisogno continuamente di ossessioni per vivere bene".

La 55enne è molto severa nei confronti di Carmelita. 'Questo tipo di tv mi fa paura', dice
E' molto amata dal mondo omosessuale, Alba ne è sempre stata lusingata: "Non sa quanti gay mi dicono che sarei stata l’unica donna con la quale avrebbero voluto trascorrere qualche momento di follia. Ad ogni modo, sono circondata da amici gay, gli unici uomini con i quali mi diverto e dei quali non posso farne a meno. Pensi che un mio caro amico mi ha paragonata, poco tempo fa, alla Vedova Nera. Perché è una donna che si fa arrestare, interrogare, per poi estorcere confessioni agli altri".

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password