Presidenziali Usa, Carson lascia corsa

Intanto vanno avanti le primarie

pubblicato il 07/03/2016 in Dal Mondo da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Ben Carson

L’Obama di destra ammaina la bandiera.

All’indomani del Super Tuesday, che non ha certo determinato una svolta nelle sue percentuali di gradimento, Ben Carson, cardiochirurgo in pensione e unico rappresentante del popolo afroamericano nelle  primarie per l’elezione del quarantacinquesimo presidente degli Stati Uniti (non solo in campo repubblicano, ma anche in quello democratico), ha abbandonato la partita. Dopo una riflessione breve, serena, ma molto realistica, ha deciso di chiamarsi fuori da una competizione “so white”, come direbbe Will Smith.

Penso che ci sono molte persone che mi amano, ma semplicemente non voterebbero per me”, ha detto l’ormai ex aspirante alla Casa Bianca prendendo la parola in un evento politico poco fuori la capitale Washington. Evento che, ovviamente, si è trasformato nella cornice per annunziare ai suoi supporters la  decisione di ritirare la propria candidatura.

Quella del cardiochirurgo è stata una decisione che non ha certo preso alla sprovvista i suoi sostenitori: un segnale, infatti, di quanto di lìa poco sarebbe potuto succedere lo si poteva già leggere nella rinunzia da parte del candidato a partecipare, a Detroit, al dibattito televisivo che ha preceduto l'ultima tappa delle primarie del Gop.   

Tutto questo mentre, a proposito di primarie,si era proprio a poche ore dal nuovo doppio appuntamento previsto dal calendario dei caucus: quello che, tra sabato 5 e domenica 6 marzo, ha visto i rimanenti candidati repubblicani (Trump in testa) sfidarsi in Kansas, Kentucky, Louisiana, Maine e Portorico, mentre i competitors democratici si sfidavano praticamente negli stessi stati, ad eccezione del Kentucky sostituito dal Nebraska, e del Portorico.

Per la cronaca, in campo repubblicano è stato un pareggio tra Trump e Cruz: il primo ha vinto in Louisiana e Kentucky, il senatore texano invece in Kansas e Maine, Lussuoso il premio di consolazione di Marco Rubio, che in Portorico ha conquistato tutti i delegati a disposizione. Sia Trump che Cruz vorrebbero che il senatore della Florida si ritirasse dalla corsa. Sul fronte democratico, invece, la Clinton ha trionfato in Louisiana ma ha perso in Kansas, Nebraska e Maine, a vantaggio di Bernie Sanders

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password