Messico, arrestato contabile del “Chapo”

Era soprannominato “Re Mida”

pubblicato il 29/03/2016 in Dal Mondo da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Juan Manuel Alvarez Inzunza., detto "Re Mida"

Magari non diventerà materia per un film.

Ma potrebbe diventarlo per una produzione documentaristica. A dispetto del soprannome, “Re Mida”, che la logica vorrebbe fosse collegato al “Chapo” in persona,  Joaquín Guzmán, il re del narcotraffico azteco. E invece no: “Re Mida” non è che il ragioniere di El Chapo, ma che ragioniere.

L’uomo di cui parliamo si chiama Juan Manuel Alvarez Inzunza, un trentaquattrenne che dimostra molto di più dei suoi trentaquattro anni. A riprova che spesso, attività agonistica e attività criminale (che solo casualmente consideriamo in modo congiunto) fanno maturare e invecchiare prima. Un vero asso del riciclaggio, il nostro Alvarez: e questo spiega perché fosse un “Re Mida” che non faceva ombra al capo, anzi; il capo non avrebbe potuto muovere un passo senza di lui.

Il rintocco fatale per l’impero finanziario messo in piedi dal più “lidio” dei criminali messicani è scoccato il lunedì dell’Angelo nella città di Oaxaca: qui Alvarez è stato arrestato dalle forze di sicurezza messicane.

Artefice del riciclaggio di oltre quattro miliardi di dollari negli ultimi dieci anni, Alvarez Inzunza gestiva una rete di società e di uffici di cambio disseminati  negli stati di Sonora, Sinaloa e Jalisco: attraverso di essi passavano per conto del cartello del grande capo Guzmán somme di denaro oscillanti tra i 300 e i 400 milioni di dollari all’anno, che poi andavano ad essere ripulite a Panama, in Colombia e negli Usa.

A breve si dovrebbe decidere la sua estradizione proprio negli Stati Uniti.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password