Messaggio del segretario generale dell'Onu per il 25 novembre 2016

Ban Ki Moon denuncia un sottofinanziamento cronico nella risoluzione del problema violenza contro le donne

pubblicato il 25/11/2016 in Dal Mondo
Condividi su:

"Il mondo  riconosce finalmente che che la violenza contro le donne e le ragazze le bambine è una violazione dei diritti umani, una pandemia per la salute pubblica e un grave ostacolo allo sviluppo sostenibile. Eppure possiamo e dobbiamo fare molto di più per trasformare questa consapevolezza in una prevenzione e dare una risposta degna di questo nome.

La violenza contro donne e ragazze impone costi enormi per le famiglie, le comunità e le economie. Quando le donne non possono lavorare a causa della violenza, i loro posti di lavoro sono a rischio, impedendo loro di generare reddito di cui  hanno disperatamente bisogno per affermare  loro indipendenza e  la loro capacità di rompere le relazioni con partner violenti. La violenza contro le donne provoca anche una perdita di produttività nel mondo degli affari e colpisce le risorse dei servizi sociali, le organizzazioni giudiziarie di assistenza sanitaria. La violenza domestica rimane diffusa, aggravata dalla impunità per questi crimini. Il risultato è notevole sofferenza e l'esclusione delle donne, che vengono private ​​della possibilità di svolgere pienamente il loro ruolo di diritto nella società.

Il mondo non può permettersi di pagare questo  prezzo. Eppure, la violenza continua ogni giorno, in tutto il mondo. E gli sforzi per risolvere questo problema, anche se ricchi di volontà politica, soffrono di un sottofinanziamento cronico.

Dal 2008, ho condotto la campagna per porre fine alla violenza contro le donne, che richiede un'azione globale per aumentare le risorse e proporre soluzioni. Esorto i governi a dimostrare il loro impegno, aumentando in modo significativo la loro spesa in tutti i settori, anche a supporto dei movimenti delle donne e delle organizzazioni della società civile. Ho anche incoraggiare i leader mondiali per aiutare le donne delle Nazioni Unite e il Fondo fiduciario per le Nazioni Unite per porre fine alla violenza contro le donne. Ci aspettiamo anche che il settore privato, organizzazioni filantropiche e cittadini interessati si  assumano la loro parte di responsabilità . Oggi vediamo il mondo illuminato in arancione, simbolo di un futuro luminoso per le donne e le ragazze. Grazie ad un investimento dedicato, siamo in grado di mantenere questi luci, difendere i diritti umani ed eliminare la violenza contro le donne e le ragazze."

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password