Somalia: giustiziati mediante fucilazione due assassini

I killer ritenuti responsabili della morte di un giornalista

pubblicato il 27/10/2014 in Dal Mondo da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino
courtesy Emergenza24

Questa mattina una discreta folla e alti funzionari delle forze di sicurezza si sono radunati alla scuola della Polizia di Mogadiscio in Somalia, per assistere all'esecuzione di due assassini mediante plotone d'esecuzione. Bashir Osman, 22 anni, e Abdullah Sharif, 25 anni, sono stati ritenuti responsabili da un tribunale militare della morte di Mohamed Mohamud Tima 'adde, corrispondente della britannica Universal tv e attivo nella difesa dei diritti umani, specialmente nella martoriata nazione somala grazie alle sue inchieste e per conto delle quali era stato mortalmente ferito il 22 ottobre dello scorso anno e deceduto in ospedale per le ferite multiple di arma da fuoco. Il portavoce della magistratura di Mogadiscio, Colonnello Mohamed Hassan, ha riferito che ad aggravare la situazione penale dei due somali anche l'appartenenza al gruppo militante islamico “Al Shabaab”, da tempo in combutta allo scopo di rovesciare l'attuale governo somalo. I due killer sono stati legati sommariamente a degli alberi con la faccia coperta da sacchetti e qui sono stati liquidati da un plotone di esecuzione della Polizia locale. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password