20 febbraio, la giornata mondiale della giustizia sociale

Il traffico di esseri umani e il lavoro forzato i temi per il 2015

pubblicato il 20/02/2015 in Dal Mondo da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

La giustizia sociale,  principio fondamentale per la convivenza pacifica e prospera tra le nazioni e all'interno delle stesse viene ricordata oggi con la “giornata mondiale della giustizia sociale”, istituita nel 2007 dalle Nazioni Unite. Un giorno per ricordare a tutti gli stati mondiali che i principi di giustizia sociale sono indispensabili per costruire un mondo più giusto, senza diseguaglianze sociali che lo attentino alle fondamenta, provocando morte e sterminio tra le popolazioni della Terra. Le Nazioni Unite con questa giornata propongono l'uguaglianza dei diritti per le popolazioni indigene e dei migranti, ma anche la rimozione  delle barriere che le persone devono affrontare a causa del sesso, età, razza, etnia, religione, cultura o disabilità.
I temi al centro della giornata per il 2015 sono la tratta di esseri umani e il lavoro forzato, due piaghe che ora come non mai affliggono il pianeta. Per il traffico di uomini e donne basti guardare a quello che succede quotidianamente nel Mediterraneo e negli stati confinanti o coinvolti nelle zone di guerra, con migliaia di “nuovi schiavi” usati nei modi più abbietti: dalla mercificazione sessuale alla “migrazione strategica”, come vera e propria arma non convenzionale. Situazioni che legano troppo spesso lo sfruttamento umano con il lavoro forzato, espresso con varie forme come la servitù a costo zero o quasi o l'impiego in occupazioni pericolose senza contratto e con pratiche illegali.
Una catena di eventi e tragiche situazioni che l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) sta cercando di frenare con il protocollo adottato nel giugno dello scorso anno, che va ad integrare la Convenzione sul lavoro forzato, fornendo indicazioni mirate sulle misure da adottare per debellare tutte le forme di lavoro forzato.
Passi importanti e necessari per la popolazione mondiale, che dovrebbero essere ricordati in tutti gli Stati membri anche attraverso la celebrazione di questa giornata, troppo spesso ignorata nel corso degli anni. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password