Messico, è allarme violenza per i turisti

Lo stato di Jalisco ad alto rischio, il Canada ha già avvertito i suoi connazionali

pubblicato il 06/05/2015 in Dal Mondo da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino
Polizia messicana in assetto di sicurezza Foto Twitter

Il Messico, già noto per essere uno degli angoli più pericolosi del pianeta, da alcune settimane ha alzato il suo indice di rischio in alcune zone.

L'escalation di violenza tra i cartelli della droga e la polizia nello stato messicano di Jalisco ha raggiunto punte preoccupanti, tanto che per i numerosi turisti presenti, in special modo nelle località vacanziere di Puerto Vallarta e Guadalajara, sono stati diffusi annunci e avvertenze per invitarli rimanere nei villaggi turistici e alberghi protetti limitando gli spostamenti in città e sconsigliando in particolar modo l'avventurarsi nelle zone interne dello stato.

Il governo canadese, attraverso la sua ambasciata in Messico, in special modo ha già diffuso una dichiarazione ai suoi cittadini presenti nello stato sudamericano sui social media, raccomandando anche di evitare nel modo più assoluto manifestazioni e raduni, come fornire costantemente recapiti di emergenza, nella spiacevole ipotesi che vengano coinvolti in atti di violenza.

Una preoccupazione, quella  per i turisti stranieri tutt'altro che infondata, specialmente dopo che il mese scorso una quindicina di poliziotti sono stati uccisi in un agguato, teso in una zona rurale di Jalisco, ed è giunta voce di un fallito attentato alla Commissione per la Sicurezza di Stato messicana.

A creare poi un comprensibile stato di attenzione per la sicurezza in special modo dei molti vacanzieri è la nuova tecnica di sabotaggio messa in atto dai narcos messicani: auto ma sopratutto camion vengono fermati a traverso delle strade e incendiati, per fermare i veicoli che sopraggiungono allo scopo di rapinare o uccidere i loro occupanti, oppure coprire una fuga dopo il crimine. Una tattica che già i media hanno ribattezzato narco-blocchi.


Un brutto colpo per i rapporti esteri del Messico ma sopratutto per la sua economia, che conta sul turismo, grazie alla bellezza e varietà del suo mare e delle sue coste come nella varietà del suo patrimonio artistico e che adesso vede ad altissimo rischio calo di presenze per colpa della violenza criminale.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password