William e Kate non sopportano più i paparazzi

Il principe e sua moglie hanno denunciato la pressione dei media sui loro figli

pubblicato il 15/08/2015 in Dal Mondo da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

 William e sua moglie Kate hanno denunciato l'aumento della sorveglianza e delle  vessazioni dei loro figli Giorgio e Charlotte da parte dei paparazzi , in una lettera inviata ieri ai media. Al momento l'obiettivo numero uno è il  principino  George.

" Gli incidenti sono sempre più frequenti e le tattiche sempre più preoccupanti" denuncia nella lettera Jason Knauf, la segretaria incaricata della comunicazione dei duchi di Cambridge.  La lettera descrive alcuni dei metodi usati per carpire foto dei due bambini,  compresi gli  inseguimenti durante i trasferimenti della famiglia reale ,   monitorando il luogo in cui George e la sua tata passeggiano o l’uso di altri bambini per attrarre il principino. La scorsa settimana , un fotografo è stato trovato dalla polizia nascosto nel bagagliaio di una macchina , sotto un lenzuolo con  riserve di cibo, nella speranza di scattare foto non autorizzate di George .

"Ogni bambino , indipendentemente dal suo futuro ruolo pubblico , merita una infanzia felice  con privacy e sicurezza preservata " si afferma nella lettera , aggiungendo che la coppia reale non  vuole  che i loro  figli trascorrano la loro vita dietro le griglie un palazzo ma possano giocare con altri bambini negli spazi pubblici .
"I fotografi sono stati invitati in diverse occasioni recenti a scattare  foto della famiglia e ci saranno altre occasioni per testimoniare come e quanto i due bambini crescono”  promette la lettera.

"Prince George" ha fatto cinque apparizioni pubbliche da quando è nato due anni fa ,  le ultime due  alla nascita della sorellina Charlotte a maggio, e del suo battesimo nel mese di luglio.

Il principe William è estremamente sensibile al tema, ritenendo i paparazzi responsabili della morte  di sua madre, la principessa Diana ,  e ribadisce che media devono accontentarsi di occasioni ufficiali  per scattare fotografie.

La lettera è stata resa pubblica per sensibilizzare i lettori sul problema della pubblicazione di foto rubate, pratica che riguarda solo una dozzina di media al mondo. 
 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password