Germania, allarme attentati nella città di Hannover

Partita sospesa per un rischio attentato, smentiti arresti e ritrovamento di esplosivi

pubblicato il 18/11/2015 in Dal Mondo da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Paura e tensione ad Hannover per la segnalazione di una bomba allo stadio di calcio, dove doveva essere ospite anche la cancelliera Angela Merkel, ad una sala concerti e alla stazione ferroviaria.


Una ridda di dettagli, segnalazioni e commenti è tutto quello che finora è scoppiato ad Hannover, in Germania, dove da questa sera si vive in un clima di estrema tensione a causa dell'allarme lanciato, stando alle poche informazioni circolanti, da una non precisata fonte straniera.

Il primo allarme è partito per lo stadio cittadino, dove doveva giocarsi la partita di calcio amichevole tra le nazionali di Germania e Olanda: secondo il capo della Polizia locale è stata segnalata – pare da Servizi Segreti non identificati -  l'intenzione di effettuare un attentato. L'assalto doveva essere fatto -secondo quanto rilasciato da da una televisione privata - con una falsa ambulanza nella struttura sportiva, dove si doveva trovare anche la premier Angela Merkel.

Dopo varie segnalazioni, tra cui anche quella del fermo di un presunto sospetto che però non è stata confermata dalla Polizia, non è stato scoperto niente ma la partita è stata annullata per motivi di sicurezza.

Nel frattempo però è seguita anche la segnalazione di un ordigno in una sala concerti, che doveva tenere un'esibizione musicale ed è stata evacuata, e successivamente - l'ultima per il momento in ordine di tempo – una minaccia alla stazione ferroviaria.

Proprio in quest'ultima gli agenti intervenuti in forze hanno individuato un bagaglio sospetto, che è stato fatto esplodere in sicurezza dagli artificieri, rivelando poi però l'assenza di materiale esplosivo.

Al momento, tra segnalazioni di presunti arresti di sospettati, perquisizioni e video messaggi di minacce vince uno stato di tensione che attraversa tutta l'Europa: un'inquietudine che si manifesta in maniera palese sui social, dove i post su determinati #hashtag raggiungono le decine in poco più di un minuto. Qualcuno ha già vinto con la paura e l'ignoranza e la notte di Hannover sta a dimostrarlo, al di là dei richiami e proclami dei politici.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password