Sospettato di aiutare i terroristi il biglietto da 500 euro potrebbe sparire

Permette di trasferire grandi capitali in poco spazio, il biglietto viola è incriminato

pubblicato il 17/02/2016 in Economia da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Venerdi 12 febbraio nel corso di una riunione dei 28 ministri delle finanze dell'UE,  si è accolto il "Piano d'azione" della Commissione europea contro il finanziamento del terrorismo e i ministri hanno chiesto alla BCE di prendere una decisione sul  mantenimento o la scomparsa del biglietto da 500 euro.

Questo perché il più grande taglio della moneta unica permette di accumulare molti soldi in piccoli spazi e questo è di aiuto ai traffici monetari illeciti. Venerdì scorso, i ministri hanno invitato la Commissione a studiare opportune restrizioni sui pagamenti in contanti che superano determinate soglie e di impegnarsi con la Banca centrale europea una riflessione sulle misure riguardanti i biglietti ad alto valore, in particolare quelli di 500 euro, tenendo conto dell'analisi di Europol.

La banconota viola è  solo il 3% del numero di banconote  in circolazione, ma rappresenta il 28% del loro valore totale, secondo le statistiche della BCE, utilizzato per trasportare enormi quantità discretamente nascondibili e usabili per scopi illegali.
Il direttore dell'Ufficio europeo per la lotta antifrode, l'italiano Giovanni Kessler, già procuratore antimafia in patria , ha recentemente spinto per il suo ritiro. Anche  il ministro dell'Economia spagnolo, Luis de Guindos, ha votato per la sua eliminazione per combattere  il riciclaggio di denaro e la lotta contro il terrorismo.  Il loro collega tedesco, Wolfgang Schäuble, non ha commentato l'utilità o meno di eliminare il traffico  del "biglietto viola", rinviando la decisione alla BCE.

La decisione finale al Consiglio direttivo della BCE, che riunisce i sei membri del Comitato esecutivo ei  Per la BCE, la rimozione di 500 euro biglietto avrebbe un benefico effetto secondario, alcuni commentatori sostengono che limitando la possibilità di accumulare grosse somme in piccoli spazi, si potrebbe stimolare la circolazione del denaro nella zona euro, e dare una spinta alla dinamica dei prezzi, adesso piuttosto pigra.  

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password