Crisi: l'80% italiani taglia consumi e spese per Federconsumatori

Ricerca, 50% famiglie rinunciano acquisti, peggioramenti per 62%

pubblicato il 22/10/2013 in Economia
Condividi su:

Per il 75% di italiani, in questi anni, tenore di vita e potere d'acquisto della propria famiglia sono peggiorati e, quindi, piu' dell'80% ha modificato, anche di molto, i propri consumi mentre per il 62% le condizioni economiche peggioreranno ancora. E' quanto emerge da una ricerca nazionale di Federconsumatori su un campione di 2.464 italiani, co-finanziata dal ministero per lo Sviluppo economico e presentata in un convegno a Firenze. Piu' di una famiglia su due ha rinunciato all'acquisto di alcuni beni e servizi o ha acquistato prodotti di minor costo e non di marca; una su tre ha modificato sensibilmente i consumi alimentari, e tre su quattro hanno ridotto le spese per ristoranti e pizzerie. Il 56% ha rinunciato a libri, cinema e teatro e il 67% ha diminuito gli esborsi per vacanze e divertimenti. Il 72% ha scelto la grande distribuzione a scapito dei negozi tradizionali, e il 34% ora acquista dal produttore. Il 12% ha fatto ricorso a mense e distribuzione di prodotti alimentari; un intervistato su quattro si fa aiutare in misura significativa dai familiari, e quasi il 70% ha dovuto ricorrere ai suoi risparmi anche per spese non importanti.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password