Mutui: tasso fisso o variabile? I consigli dell'esperto

A rispondere Paolo Cardenà, private banker e socio confondatore di una società attiva nella consulenza finanziaria, tributaria e fiscale

pubblicato il 07/02/2017 in Economia da Costanza Tosi
Condividi su:
Costanza Tosi
In Italia è emergenza mutui

Il mercato azionario e quello obbligazionario possono nascondere insidie, infatti sono molti gli italiani che preferiscono il vecchio mattone. Ma la domanda è: é un buon investimento? A rispondere Paolo Cardenà, private banker e socio cofondatore di una società attiva nella consulenza finanziaria, tributaria e fiscale.

"Le Borse sono quasi tutte sui livelli massimi e di certo investire in Borsa (non quella italiana) è stato molto redditizio negli ultimi anni". Prima di investire in immobili occorre considerare alcuni fattori, come "l'ampiezza del patrimonio, la qualità e la tipologia dell'immobile, le attese di rendimento o reddito, la tipologia e la località dell'immobile" Spiega l'esperto.

"Esistono poi altre variabili - prosegue Cardenà - quali, ad esempio, la fiscalità e i fattori di rischio e oneri connessi all'investimento immobiliare. Ciò premesso, ritengo che l'investimento immobiliare costituisca un asset da considerare nella diversificazione del patrimonio". E questo assume particolare rilevanza anche "nell'ambito della gestione di patrimoni elevati, dove ci si può permettere di acquistare un certo tipo di immobili soprattutto su piazza estere".

'Tasso fisso o variabile?' "Dati i livelli ferocemente bassi dei tassi di interesse - risponde l'esperto - è fuor di dubbio che quella attuale costituisca un'ottima occasione per bloccare i tassi su livelli estremamente bassi e quindi la risposta è 'tasso fisso'".

Secondo Cardenà, "è bene ricordare che esistono tipologie di mutui che, pur essendo a tasso variabile (e quindi con tassi più bassi rispetto a quelli fissi), godono della particolarità di avere la rata costante. In pratica, in caso di aumento dei tassi, viene allungata la scadenza, entro certi limiti previsti contrattualmente".

Gli ultimi dati economici, inoltre, evidenziano un ritorno dell'inflazione. Tale dinamica "ha avuto dei riflessi nella parte sui rendimenti dei titoli, nella parte lunga della curva, mentre, nella parte breve i rendimenti, almeno in Eurozona, sono ancora negativi. Ma è evidente - sottolinea - che quando miglioreranno le metriche della ripresa economica e quando questa sarà più diffusa e robusta anche i rendimenti a breve saliranno, trascinando al rialzo anche i tassi dei mutui".

I motivi del rialzo dello spread secondo Cardenà vanno ricercati in primis nella "situazione economica di un'Italia incapace di agganciare la ripresa".

Senza lasciare da parte  "il debito pubblico in costante ascesa", le difficoltà di molte banche italiane e l'incertezza del quadro politico del Belpaese e di quello europeo, in vista delle elezioni in Francia, Germania e Olanda.

Infine "i mercati hanno iniziato a considerare l'attenuazione delle misure di espansione monetaria adottate dalla Bce, che hanno consentito di godere di tassi particolarmente bassi, nonostante il continuo deterioramento dei conti pubblici e del quadro macro dell'Italia", conclude il private banker.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password