Nel 2013, lieve crescita per i salari

Istat: «mai aumentati cosi lentamente dal 1982»

pubblicato il 28/01/2014 in Economia da Angela Menna
Condividi su:
Angela Menna

Nel 2013, le retribuzioni orarie sono cresciute solo dell’1,4%, registrando il tasso più basso dal 1982, anno di inizio delle serie storiche. Lo rileva l’Istat, precisando che i salari sono aumentati più dei prezzi, (+1,2% nell’anno). 
L’Istat, ha anche spiegato che le retribuzioni del settore privato hanno riscontrato un aumento tendenziale dell’1,7%, a differenza di quelle della pubblica amministrazione, che hanno avuto una variazione nulla. 
A fine dicembre, risultavano in vigore 27 contratti, relativi a 6,6 milioni di dipendenti, cioè il 49,4% del monte retributivo complessivo. I contratti in attesa di rinnovo erano 47, (15 della Pa), relativi a 6,3 milioni di dipendenti (di cui 2,9 nel pubblico impiego). A dicembre, le retribuzioni contrattuali sono rimaste ferme su mese e sono salite dell’1,3% su anno.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password