ll governo italiano era pronto a salvare Banca Etruria, Cassa di Ferrara, Banca Marche e Cassa di Chieti ma da Bruxelles arrivò lo stop

Palazzo Chigi vuole pubblicare la lettera con la quale fu bloccato il salvataggio dei quattro istituti di credito

pubblicato il 23/12/2015 in Economia da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Bruxelles bloccò il salvataggio di  Banca Etruria, Cassa di Ferrara, Banca Marche e Cassa di Chieti con una  lettera del  Commissario alla stabilità finanziaria Jonathan Hill e indirizzata al Ministro dell'Economia Piercarlo Padoan.  Palazzo Chigi starebbe per pubblicare la lettera  che sicuramente renderebbe tesi i rapporti tra  Roma e Bruxelles. 

Si apre quindi un nuovo capitlo della vicenda Banche , a causa della quale migliaia di obbligazionisti e azionisti hanno visto andare in fumo i loro risparmi e investimenti a causa delcrac degli istituti di credito  sopra citati.

La lettera è datata 19 novembre, tre giorni  prima del varo da parte del governo del decreto salva-banche. Nella risposta alla richiesta dell'Italia di utilizzare il fondo interbancario per scongiurare il fallimento delle quattro banche e la risposta del commissario Hill e della collega alla concorezza la danese Margrethe Vestager   fu la seguente:   "Non potete farlo perché sarebbe una forma di aiuto di Stato"

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password