Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ascolti Tv, Coronavirus, l'agente dei divi Lucio Presta: "E' il momento di alzare il livello di serietà del mondo dello spettacolo"

Reduce dal successo di Sanremo e Ciao Darwin, l'agente dei divi parla del futuro dello show business dopo il lockdown

Condividi su:

Lucio Presta, potentissimo agente dei divi televisivi ma anche regista delle Leopolde di Matteo Renzi del quale ha prodotto il documentario su Firenze, ha portato a casa quest'anno il grandissimo successo del Festival di Sanremo, che pur tenutosi solo poco più di due mesi fa sembra - causa coronavirus e lockdown - appartenere a un'altra era geologica dal punto di vista temporale. 

Al momento, malgrado la delicatissima contingenza anche per quanto riguarda la Tv, il cosentino doc Presta si sta godendo un altro successo di ascolti: quello delle repliche dell'ultima edizione di Ciao Darwin presentato dal suo assistito Paolo Bonolis che, il sabato sera, bastona settimanalmente la concorrenza di Rai1. Intervistato da Cosenza Channel, l'agente si dimostra particolarmente attento alle esigenze dello show business post-quarantena, sottolineando l'importanza di un'informazione seria e di una programmazione attenta alla soddisfazione del pubblico, che cerca intrattenimento e svago. 

"Credo non sia più tempo di parlare alla pancia delle persone per rosicchiare audience" dichiara, "ma è il momento di alzare il livello di serietà del nostro mondo [...] Non si può lanciare un servizio su un problema importante e poi, subito dopo, uno sulla scollatura strabordante di una soubrette, l'informazione è altra cosa". 

Sottolineando il grave problema dei lavoratori dello spettacolo - non soltanto televisivo - che vedono cancellare drasticamente la partecipazione del pubblico (pensiamo ai concerti, alle serate di piazza degli artisti e così via), Lucio Presta auspica che il maggior numero di persone scarichino l'applicazione Immuni. "I programmi hanno bisogno dell'energia del pubblico. Ci sono show in cui la presenza della gente è fondamentale. Mi batterò perché in televisione si lavori in questa direzione". 

Condividi su:

Seguici su Facebook